Se lo sapessi ma non lo sappi!

Presumo che ogni Mamma Topa abbia ben di che parlare quando si tratta di strafalcioni da parte dei topini che squittiscono spesso in modo buffo e insensato ma sfido volentieri qualche altro piccolo rattino a battere il mio. Ci sarà? Mah… Vedete, il mio, ha un modo particolare di colpire. In modo molto classico, nonostante inaspettato, passa tranquillo come un treno che percorre lo stesso binario giorno dopo giorno e dopo giorno. Quelle sue frasi, forse per alcuni fin troppo banali, arrivano con un’ innocenza tale e disarmante da lasciarmi sovente senza riuscire a proferir parola. E allora eccovi un piccolo elenco, di quello che le mie sensibilissime orecchie hanno dovuto sentire in questi anni, da colui che è, inutile dirlo…. il mio amore! Non giudicateci, ve ne prego!

A 6-7 anni (classica domanda e classica deduzione logica):

- Mamma, è vero che quando ero piccolo, piccolo ero dentro la tua pancia?-

- Si tesoro-

- E poi sono uscito… e da dove sono uscito?-

- Sei uscito dalla pancia. Hanno fatto un piccolo taglietto sulla pancia della mamma e tu sei nato- (e non è neanche una bugia nel suo caso, avendo dovuto fare il cesareo).

- Un taglietto? E ti hanno fatto male?-

- No gioia, e poi, subito dopo ho visto te quindi, se anche avessi avuto male, sarebbe passato immediatamente-

- Ah! Ok- e se ne và. Dopo due minuti torna. Io stavo cucinando come due minuti prima.

- Mamma, ho capito. Sono uscito dalla tua pancia. C’è solo una cosa che non ho capito… ma com’è che ho fatto a entrarci?-

Tanananà… Nella mia testa hanno iniziato a rimbombare le prime note della quinta sinfonia di Beethoven. “lo sai che hai diritto a una risposta ogni 10 anni” avrei voluto dirgli e invece, dopo attimi di silenzio, con lui che mi guardava in attesa, senza sapere cosa cavolo dire, iniziai a raccontargli la storia dei bacini di mamma e papà cercando di distrarlo. Il momento era arrivato… ebbene si, dopo 4-5 anni, avrebbe saputo la verità ma per il momento, i bacini potevano bastare. Alla prossima, avrei scaricato la patata bollente a Topomarito. Giurin giurello.

A 7 anni:

- Topino, mi spieghi per favore perchè sul diario la maestra è arrivata a doverti scrivere che sei un continuo movimento, non ascolti e t’incanti sempre a guardare fuori dalla finestra? -. (Perchè aveva 7 anni!!! Ecco perchè! Ma la nota era stata presa e dovevo far vedere un minimo d’interessamento).

Lui mi guardò tra il perplesso e il dispiaciuto – Mamma… se lo sapessi te lo direi ma… non lo sappi… cioè non lo passi, non lo sep… -

- Ecco. Appunto. Ora hai capito da solo perchè dovresti ascoltare di più la maestra???!!!-.

A 4 anni:

- Topino! Vieni con la tua zia a comprare il pane che è già mezzogiorno e dobbiamo mangiare? Dai, intanto che mamma prepara-

- Si zia! Ma mi compri il gelato?-

- No topino, adesso mangiamo magari oggi pomeriggio-

- No, dai zia, comprami il gelato per favore!-

- Topino! Dobbiamo mangiare tra poco! Comunque chiedilo a tua madre…-

- Mamma, mamma posso mangiare il gelato?!-

- Assolutamente no-

- Ziaaaa!!! Ha detto di siiiii!!!!!-

Da notare che io e la zia eravamo nella stessa stanza a due metri di distanza.

A 11 anni:

- Mamma, posso non andare a scuola domani?-

- No topino, domani ci vai-

- No dai mamma ti prego!-

- Ma perchè? Stai male? Hai un’interrogazione e non hai studiato?-

- No, no… non è questo…- (noooooooo certo……)

- E allora?-

Si accorge che sono irremovibile e deve cercare di colpire il bersaglio. Filibustiere. Si trasforma. Avete presente il Gatto con gli Stivali di Shrek quando fa gli occhioni dolci? Uguale. – Vedi mamma, penso di aver capito che i professori… vedi… secondo me non mi vogliono bene-

- Oh! Poverino! Certo, certo, l’incompreso! Immagino, ce l’hanno con te sicuramente. Muoviti, fila a dormire che domani vai a scuola-

- Mamma! Sono convinto che nemmeno i miei compagni di classe mi vogliono bene! Ti rendi conto?!-

- Santa Topa Pellegrina! Nemmeno loro! Ma cosa sei?! Un tApino proprio… te misero! Muoviti! Vai a d-o-r-m-i-r-e!-

Và nel letto affranto. Serio – Mamma, mandami papà per favore, devo dirgli di aver capito che i professori non mi vogliono bene, i miei compagni non mi vogliono bene e, adesso, nemmeno mia mamma più mi vuol bene!-

A 11 anni (mio marito fuori per lavoro):

- Dai mamma fammi dormire con te così giochiamo un pò-

- No-

- E dai! Solo stasera!-

- Topino, ormai sei un ometto, quando avrai la fidanzata cosa farai? Venite nel mio letto tutti e due?-

- Ma è solo perchè papà stasera non c’è! E poi scusa, me l’hai sempre detto tu che in Africa, i poveri, dormono tutti insieme e anche i nostri nonni lo facevano perchè erano poveri-

- Ecco appunto topino noi non siamo ricchi ma nemmeno africani, tu hai la tua bella cameretta e visto che ci dormi tutte le sere, non capisco cosa cambia se c’è o se non c’è papà-

- Ma te lo chiedo per favore!!!-

- Ho detto di no!-

- Dimmi solo il perchè!-

- Perchè sei grande!-

- E allora perchè papà che è molto più grande di me ci può dormire tutte le sere con te?!-

A 12 anni:

Topino và bene a scuola, sono contenta di lui ma, la matematica, è davvero uno scoglio insormontabile. Arriva a casa la zia e dopo un pò che parlano gli chiede

- A proposito chicco, come và di matematica?-

- Bene zia! Ho preso 7 e 1/2 di scienze pensa!-

- Ehm…. si, ok, son contenta, ma io ti ho chiesto di matematica!-

- Ebbè? La prof è la stessa!-

A 10 anni (premetto che con mio padre, ancora giovane, lui ha un rapporto particolare, stupendo e parlano di tutto):

Topino e mio padre sotto la doccia dopo una partita a calcio tra di loro ma, di quelle “serie” (quelle di quando un giorno o l’altro mio padre lo vedremo tornare a casa con la bombola d’ossigeno), e qualche set a ping pong

- Nonno, ma tu lo usi il Viagra?-

- Deeee! Gringo! Servirà a te il Viagra non a tuo nonno!-

- Ma dicono che serve a quelli anziani-

- E ti sembro anziano io?-

- No, tu no, ma “lui” si-

A 13 anni:

Le prime frasi “innocenti”, quelle che le senti e sei fiera come mamma, che le sappia così bene…! Quelle tipo “Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro, stette la spoglia immemore orba di tanto spiro…” e dici dentro di te “che figlio colto che ho!”; naaaa, scordatevelo, niente di tutto questo. Entra in casa canticchiando, lo fa sempre, solo che una volta intonava “…ma il coccodrillo come fa? Trallalarallalà. Non c’è nessuno che lo sa, trallalarallalà. Non mette mai il cappotto…”, che carino! Tenerissimo. Un figlio modello. Ora invece entra in casa così “Winx! La tua mano nei miei jeans…” e non vado oltre anche perchè non saprei come và a finire visto il patacollo che gli arriva. Poi invece, ci sono le “prese in giro” riferite ai nomi. Chi non ne ha subito. Presumo tutti e lui per primo ma, con i suoi amichetti, hanno inventato delle meravigliose citazioni nei confronti delle loro compagne ma inutile celare come viaggiano i maschietti d’oggi. E inutile è anche nascondere che queste compagne sono quelle più carine. Noi, ricordo, ci limitavamo a dire “Susanna tutta panna” ad esempio, ma loro no. Oh no! Troppo banale, troppo pulita. Loro sono oltre. No, no, è inutile che andate avanti a leggere perchè non mi oso neanche a scriverle!

Ebbene amici, questo è topino e queste sono solo alcune delle frasi celebri dei suoi anni, ci sarebbe un libro da scrivere ma direi che per non perdere il vostro affetto all’improvviso, per oggi possa bastare. Spero quanto meno che possiate iniziare la giornata con un pò di sorriso e… abbiate pietà di me! Bacioni!

21 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. pani
    nov 07, 2013 @ 08:08:05

    Stupendo!

    Rispondi

  2. melodiestonate
    nov 07, 2013 @ 08:16:35

    è vero è proprio stupendo…un abbraccio topina

    Rispondi

  3. tramedipensieri
    nov 07, 2013 @ 09:27:07

    ahh hahah ahah haha

    fantastico!
    rido come una matta!
    Sieti due grandi, tu e tuo figlio…davvero!

    un forte abbraccio
    .marta

    Rispondi

  4. liù
    nov 07, 2013 @ 13:23:11

    Ho avuto la femmina molto estroversa e chiacchierona,ma il maschio è sempre stato un tipetto riservato sin da piccolino,per cui non mi ha mai chiesto niente, anche se non ce ne era bisogno dato che tutti i documentari interessanti facevo in modo che li vedessero.
    Mi ricordo di un pomeriggio che ero a letto con l’emicrania e loro 2 ,la femmina aveva 8/9 anni e il maschietto era sui 5,erano in cucina a guardare la tv.
    Quando mi alzai mi raccontarono con un misto di eccitazione e disgusto che avevano visto come nascevano i bambini!!
    Tra me e me pensai che mi ero tolta senza volerlo un bel pensiero.
    Mi chiesero se faceva molto male ,naturalmente risposi che non era molto doloroso,solo un pochino e poi passava subito.
    Bei ricordi che mi hai fatto venire in mente Topina ,dato che adesso i miei figli hanno rispettivamente 42 e 38 anni.
    Un bacio cara♥
    liù

    Rispondi

    • topinapigmy
      nov 07, 2013 @ 18:54:50

      Ma grazie Liù! Bacione grande. Penso che se hanno scoperto in quel modo come nascevano i bambini è perchè probabilmente doveva andare così e così è andata. Che figli grandi hai! Io no, mi sa che mi aspettano ancora delle belle. Buona serata.

      Rispondi

  5. Rosa Andronaco
    nov 07, 2013 @ 14:49:02

    MA CHE RIDERE CHE MI HAI FATTO FARE…
    è meraviglioso stare con i bambini
    se poi sn cosi intelligenti e simpatici
    non ti annoi mai… un bacione a tutti ciao

    Rispondi

    • topinapigmy
      nov 07, 2013 @ 18:55:52

      :-D Grazie Rosa! Sono contenta di averti fatto ridere, me lo immaginavo. Sono io che non rido quando sento ‘ste cose! Scherzo… in realtà, viene da ridere pure a me! Un mega bacio.

      Rispondi

  6. stravagaria
    nov 07, 2013 @ 15:47:15

    Ma quante risate che ti fa fare topino… Un bel tipetto da piccolo e da grande :) bacioniiii!!!

    Rispondi

  7. Miss Fletcher
    nov 07, 2013 @ 22:31:25

    Fantastico Topino, i bambini sono meravigliosi e il tuo è proprio un bel peperino, eh?
    Bacioni!

    Rispondi

  8. ysker
    nov 07, 2013 @ 23:43:21

    La logica fa degli strani scherzi, quando viene usata da topini intelligenti come lui! Mi sa che non ti annoi mai! Un saluto anche al topino (e al topononno e al topopapà, ovviamente).

    Rispondi

  9. tiptoetoyourroom
    nov 10, 2013 @ 07:18:43

    E’ un genio. Quella del Viagra è bellissima, ma anche quella di tuo marito che dorme con te nonostante sia così grande…
    E da insegnante ti confermo che i ragazzini di oggi sono maliziosamente “evoluti”… L’anno scorso ho iniziato a lavorare alle medie e pensavo che almeno lì, diversamente che nei licei, non sarei stata guardata dagli alunni in quanto giovane insegnante… macchè! Figurati che non avevo terze, ma molti ragazzi di terza mi salutavano e venivano a cercarmi all’intervallo! Ma ho 35 anni io!! E l’altro giorno nel racconto di qualcuno dei miei di seconda è finita dentro come personaggio “una ragazza gnocca che va in giro con una confezione formato famiglia di Chilly Pocket nella borsa!!”. Non ho più parole…

    Rispondi

    • topinapigmy
      nov 13, 2013 @ 14:37:00

      Uh Signur! Tiptoe, ma cosa mi dici?! :-D Ma dove le trovano mi chiedo io! Avrei voluto vedere la tua faccia di nascosto! :-D Giovane prof! Ah! Ah! Ah! Ok, ho capito che sei ben presa anche tu! Un bacio grande.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Webmaster

Pautasso Design Inc.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 91 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: