Filastrocca di San Carlo

Topoli, perbacco! Questa volta per voi ho una vera chicca!

Una filastrocca. Si ma…. struggente eh! Di quelle che raccontano del vero amore! Oh già!

“Di San Carlo vi canto la scena, dei due amanti vi voglio parlar / che mai nessun li potrà separar, perchè eterno era in loro l’amor.

Giulio Binda era giovane e bello, era figlio di ricche persone / ed appunto dirò la ragione, di sua vita finita così.

Egli amava una cara fanciulla, che a vederla sembrava un tesoro / lei campava del suo proprio lavoro, perchè orfana al mondo restò.

Sulla tomba dei suoi genitori, “tu sei ricco ed io povera sono, non ho padre, ne madre lo sai / ed un giorno così sposerai, una ricca si al pari di te”.

Giulio allora abbracciando Maria,  disse lei “non dir tali parole / io ti giuro che se mamma non vuole, io son pronto a morire con te”.

Era un vago mattino di festa, la sua mamma era andata alla messa / i due sposi entraron in salotto, l’orologio suonava le otto, “oh mia cara uniti sarem”.

Giulio allora impugnava quell’arma, che doveva troncar l’esistenza / e con lieta e tranquilla apparenza, all’amante un colpo sparò.

Quando a terra la vide cadere, l’abbracciò e la baciò sul bel viso / esclamò “sol lassù in paradiso, oh mia cara uniti sarem”.

Rientrava la mamma a casa, i due colpi sentì rintonare / quando ella allor fa per entrare, la tragedia ai suoi occhi le appar.

Si strappava i capelli la donna, nel vedere il cadaver del figlio / bagnò di lacrime e pianto quel ciglio, e si mise a gridare “son io la cagion!”.

Essi scrissero due lettere sole, invocando perdono sincero / e che almeno lassù al cimitero, gli recassero corone di fior”.

Che vi dicevo? Vi siete commossi?

Io si…. sniff! Ora vado a soffiarmi il muso e poi vi scrivo un altro articolo…

M.

 

16 pensieri su “Filastrocca di San Carlo

  1. Uh, non l’avevo mai sentita!
    Appena l’ho vista ho pensato….oh, finalmente qualcosa di allegro per Chagall, che io e Matteo lo abbiamo travolto con le nostre nostalgie!
    Ora poi però, leggendo il finale…ehm…
    Bella la filastrocca, mi è piaciuta brava sorellina!

      • allora sono una bella coppia, da spot televisivo. Io ricordo un duetto di mio nonno con suo fratello. Ma ero piccolissimo.

    • Bellissimo. Sono ricordi che non puoi dimenticare. A me emoziona molto ascoltarli e sono anche bravi. Mi hai fatto venire in mente un momento magico. Domani se riesco pubblicherò una cosa che mi piace molto, ma non ti anticipo nulla è una sorpresa.

  2. li avevamo perfino registrati su una cassetta ma temo che quella sia andata distrutta, persa o sovrascritta. io non c’entro nulla, eh! Ero troppo piccolo.

    • No! Non puoi dirmi questo! Sacrilegio! Le famose musicassette! Pensa, anch’io ho mio padre che canta e suona inciso su delle cassette registrate. Avevano proprio le stesse abitudini i nostri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...