I fiorellini Succhia-Succhia

Conoscete il nome di questi fiori? Io no. Nel senso che non riesco a trovare il loro nome scientifico. Posso solo dirvi che mi pare appartengano alla famiglia del Trifoglio.

Noi però, nella Valle Argentina, un nome ce l’abbiamo dato eccome! Li chiamiamo i “succhia-succhia” o “i fiori di Limone”. Se questi nomi vi sembrano strani, ve ne spiego subito il motivo.

Dovete sapere che, fin da bambini, ma anche ora che siamo adulti non ci dispiacciono, li raccogliamo e ne succhiamo letteralmente tutto il gambo. Il loro sapore è dapprima dolciastro per divenire poi aspro come quello del Limone. Ma che buono! Quante scorpacciate di questi fiori topi!

Ovviamente bisogna saperli cogliere nel senso che non è bene mettere in bocca questi fiori se sono nati dove i cagnolini giornalmente possono farci la pipì sopra ma, verso la campagna, nelle zone meno trafficate potete star tranquilli che nessuno li ha contaminati.

Scartate solo la parte del fiore, quella non è particolarmente buona, non sa di niente ma… si può usare per cucinare o decorare i piatti.

Ogni primavera, quando sbocciano, quanti ricordi della mia infanzia topini. E voi? Anche voi li conoscete? Anche voi avete un fiore particolarmente buono da assaggiare? E si, noi topini mangiamo davvero di tutto.

Tra l’altro, nei miei luoghi, di questo particolare fiore, così giallo vivo, ce ne sono distese intere e infinite. Nasce ovunque, addirittura nei vasi delle piante sui terrazzi, ma non si trova ad elevate altitudini.

E’ un periodo, questo della Primavera, nel quale di certo non moriremo di fame!

Questo vivace fiore inoltre è anche molto bello. Propone delicatezza e, il colore caldo dei suoi petali, spicca sulla tinta verde acido dello stelo.

Che altro dirvi topi, buona scorpacciata! E se per caso trovate il loro vero nome fatemelo sapere, grazie mille, la vostra Pigmy.

P.S.= Con il tempo ho imparato che questo fiore si chiama Acetosella Gialla e il merito è anche vostro miei affezionati lettori! Grazie!

M.

20 pensieri su “I fiorellini Succhia-Succhia

  1. Sei entrata in un campo che per me è veramente sconosciuto. Magari qualche amica amante dei fiori e del giardinaggio… Non ho mai assaggiato i gambi di questi fiori ma chissà c’è sempre tempo 😉

    • Non preoccuparti, se è un campo sconosciuto per te sono contenta di averti fatto scoprire questa cosa nuova. Riguardo al nome se puoi prova a chiedere altrimenti è lo stesso, non preoccuparti. Baci.

  2. Non conosco i fiorellini succhia succhia, ma anche a me pare che appartengano alla famiglia dei trifogli.
    Sai, qui vicino a casa mia c’è una rigogliosissima pianta di glicine…ecco io succhiavo quelli, i fiori! Che dolcezza! Mi ricordo che quando andavo a scuola in primavera passavo lì davanti e ogni tanto prendevo un rametto!
    Siamo proprio sorelle, mi sa!

    • Il glicine! Si Miss, dolcissimi. Il loro sapore è uguale al loro profumo. Buonissimi, però ne ho mangiato meno rispetto a questi che hanno un sapore totalmente diverso. Se ti piace il limone provali, fidati. Bacioni.

  3. io da piccolo mangiavo i frutti delle siepi di bosso. I “pometti” li chiamavamo, perchè sembravano delle mele in miniatura.
    Questi assomigliano all’anemone gialla ma le foglie mi sembrano diverse. Uff. dovrei consultare i miei polverosi archivi…

    • Ma lo sai che non lo sapevo che il bosso faceva questi fruttini? E che gusto hanno? Si, le foglie dei miei sono diverse dall’anemone, le foglie sono proprio come quelle del trifoglio. Dai pani, spolvera le tue enciclopedie………!

    • Ciao, i pometti li chiamavamo paninetti o pomodorini tra noi bambini in Sardegna. Lì ho ritrovati dopo 30 anni in Liguria a loano pochi giorni fa. Sono i fiori della pianta poco prima di sbocciare. Ho trovato anche l’acetosella. Ho scattato una foto dei “pometti “Ma non riesco a postarla qui.

    • Caro Luca, grazie per l’avviso ma l’acido ossalico, che irrita le pareti dei nostri organi se assunto in quantità elevate è vero, è contenuto anche in tantissime verdure a foglia verde, legumi e cereali. E’ un acido molto potente ma penso che non sia più velenoso di tutte le sostanze tossiche che ci fanno ingerire tra coloranti e conservanti in ciò che ogni giorno mangiamo. In fondo, non è mai morto nessuno che io sappia per aver succhiato qualche acetosella. Ovvio, abusarne è sempre un male e questo vale per tutto. Ancora grazie comunque per il tuo avvertimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...