Facciamo il Mentolino!

Ossia… conoscete il Limoncello no? Il classico liquore fresco che tutti amano bere dopo il pasto, fatto con i Limoni? Bene, anzichè quello, oggi v’insegnerò a fare una vera squisitezza che è così originale da stupire tutti i vostri topospiti e credetemi che è facilissima.

Allora, il primo ingrediente da prendere, è la mia socia Niky. No, no, fermi…. non dovete ne’ farla essicare, ne’ spremerla, semplicemente dovete prenderla e farvi raccontare da lei come si fa perchè io le amiche quando me le scelgo, me le scelgo bene e lei è un piccolo genietto.

Ora, visto che però, l’unica fortunata che la conosce sono io, mi sono fatta svelare in un orecchio tutto il procedimento per raccontarvelo e far si che farete un figurone in ogni stagione ma, d’estate, dopo le cene all’aperto con gli amici, è decisamente più piacevole.

Allora, innanzi tutto bisogna raccogliere la Menta. Bella fresca. Noi siamo fortunati, qui nella Valle Argentina, ne cresce spontanea tantissima ed è una pianta con tantissime qualità benefiche.

La si lava leggermente sotto l’acqua fresca e la si asciuga tamponandola delicatamente con uno strofinaccio pulito. Si separano le tenere foglioline e si mettono in un vasetto di vetro abbastanza capiente.

Si versa un litro di alcool fino a coprire completamente le verdi foglie, si chiude il barattolo e lo si mette per tre giorni, al buio, dentro un pensile in cucina o dove volete voi, purchè il luogo sia fresco e asciutto.

Passati i tre giorni le foglie saranno diventate marroni e cristallizzate mentre l’alcool invece, sarà completamente verde.

Lo annusiamo un pò e lo lasciamo ancora un attimo lì.

Facciamo bollire in una pentola un litro d’acqua con dentro un kg di zucchero. Finita la bollitura lasciamo raffreddare e, nel mentre, filtriamo l’alcool in un colino separandolo così dalle foglie.

Uniamo l’acqua zuccherata all’alcool e ci ritroviamo tra le zampe uno dei digestivi più buoni che ci siano.

Ovviamente possiamo metterlo in congelatore cosicchè sarà sempre pronto e fresco per le serate speciali magari inaspettate.

Questo liquore si può fare con qualsiasi ingrediente, ad esempio anche con le Fragoline o con i Frutti di bosco, l’unica accortezza da usare è quella di mettere meno zucchero perchè questi frutti sono già molto dolci di loro e lo zucchero inoltre accentua la potenza dell’alcool. Questa bevanda deve essere solo leggermente alcoolica e sarà anche più gradevole.

Piace anche alle topine femmine perchè è molto delicato nonostante abbia un sapore deciso e un profumo che non posso descrivervi. E’ sublime. Provate a farlo e poi mi direte.

Inoltre, non sarà male, versarlo su alcuni dolci, come il gelato o la panna cotta. Il suo colore vivo e il suo sapore, esalteranno sicuramente quello del vostro dessert.

Buona bevuta a tutti! Ma andateci piano! Hic!

M.

25 pensieri su “Facciamo il Mentolino!

  1. Che bella ricetta! Fortunate voi topine che avete a disposizione la vostra bella menta ma per l’occasione potrei comprarne una piantina da tenere sul balcone, si usa per tante ricettine. Bacetti

  2. allora socia, visto che hai imparato così bene… Vediamo se sei ancora brava a berlo e soprattutto se anche quello delle foto di questo post è buono come lo ricordi tu… I tuoi nipotini pelosetti hanno voglia di farti le feste!..

    • Il messaggio è arrivato forte e chiaro, dimmi solo giorno e ora e sarò li da te! ….anzi, dai miei nipotini! Riguardo al bere il mentolino, mi ricordo benissimo ma, sai com’è, farei volentieri un pò di allenamento! 😀

  3. Cara Pigmy,
    mi sa che faresti prima a descrivere le piante che NON crescono nella tua valle, cioè giusto le palme da cocco e le mangrovie.
    La menta è eccezionale sia come dissetante sia come base per condimenti estivi: mia zia Gianna fa un risotto limone e menta davvero sublime, ma se la menta la triti insieme a olive taggiasche, capperi (ecco, questi forse non nascono lì da te) e amalgami con un filo d’olio e succo di limone puoi farti delle bruschette celestiali, ovviamente col pane di Triora.
    Fabio – Zeneize since 1965 e nuovo testimonial della valle Argentina.

    • Ciao Fabio!!! Allora, devo dirti innanzi tutto che sul cappero ti sbagli….guarda un pò nella categoria qui a destra “Pigmy e le piante” che fiore è? Del cappero! Ed è tutto mio! Riguardo alle palme invece hai ragione ma i botanici e i giardinieri della valle sembra che non conoscano altre piante o vogliono farci assomigliare a Palm Beach! Piantano solo palme ma ovviamente non nascono spontanee e nemmeno le mangrovie. M’incuriosisce invece il risotto al limone e menta di tua zia, dev’essere buonissimo! Ti mando un bacione.

      • Ciao Pigmy,
        ho parlato al telefono con mia zia Gianna e a grandi linee ti riferisco la ricetta.
        Innanzitutto si parte usando riso del tipo Carnaroli e lo si fa tostare con poco olio, pochissima cipolla e del brodo di verdura ben filtrato.
        In un mortaio si pestano due-tre spicchi di limone ben privati della pellicina bianca che li avvolge, una dozzina o poco più di foglie di menta e si unisce olio extravergine lasciato a cadere a filo finché non si forma una salsina compatta. Se il sapore prevalente tende troppo al limone aggiungi ancora un pochino di menta, altrimenti allunghi con succo di limone, a seconda del tuo gusto.
        Quando il riso è verso fine cottura lo fai mantecare con poco burro e aggiungi il pesto di limone e menta, ma non deve cuocere ancora molto.
        Servi in tavola (volendo guarnisci con una-due foglioline di menta) e se proprio non puoi farne a meno spolveri con un pò di formaggio, ma sarebbe molto meglio evitare.
        Se morite avvelenati, vuol dire che al telefono mi sono perso qualche passaggio…
        Fabio – Zeneize since 1965. Buon appetito!

    • Fabio, sei stato gentilissimo e vorrei anche che tu ringraziassi molto tua zia Gianna da parte mia! Questo risotto voglio provare a farlo. Evviva zia Gianna! E un abbraccio a te.

      • Prima di ringraziarmi sarà meglio che sperimenti questo risotto estivo: confido molto nella tua capacità ai fornelli perché di solito è l’esperienza personale che porta a correggere eventuali errori nelle dosi o nella cottura.
        Domani sera parto per la Serbia: laggiù non è terra di risotti, ma la carne è squisita e la frutta è abbastanza varia e assolutamente a buon mercato. Cercherò di farmi vivo anche da Belgrado, altrimenti un abbraccio a te e agli affezionati che seguono il tuo blog.
        Fabio – Zeneize since 1965. Buone squit-vacanze !!!!

    • Nooooooo Fabio…. è vero che parti!!! Torna presto!!! Stasera provo a fare il risotto, vedrai che rimango viva e comunque ti tolgo ogni responsabilità tranquillo! 😀 Un bacione, divertiti! Ti aspettooooooo!

  4. Mia suocera, o meglio, sua sorella, lo prepara con l’erba Luigia. La conosci?
    Altrimenti con le scorze di limone. Ma con la menta no, mai fatto e mai bevuto

    • Pani, ti consiglio vivamente di berlo. Prova a farlo tu o chiedi alla sorella di tua suocera di farlo. Vedrai che quando l’hai assaggiato mi darai ragione. Io non amo particolarmente la menta, come bevanda o come ghiacciolo ma questo è un’altra cosa. Fidati. L’erba Luigia non la conosco a meno che noi non la chiamiamo in un altro modo. Conosci il nome scientifico che provo a vedere su internet se la conosco?

  5. Evviva il mentolino! E anche le sue varianti sono ben sfiziose, quando ho letto fragoline di bosco ho avuto un sussulto di gioia, che meraviglia, non saprei quale scegliere! E quanto è ricca di piante la tua valle?
    Grazie di questa ricettina buona buona!
    Baci!

    • Oh Signur che domanda mi fai! Guarda, se profuma come la nostra puoi andare tranquilla! No, scherzo, ascolta, la menta romana se non erro è leggermente più delicata rispetto alla nostra, quindi chiedo alla mia socia come fare per renderlo più deciso e ti faccio sapere. Ti vorrei fare anch’io l’occhiolino ma non son capace a farlo!!!! Sigh!

      • Bah, magari sono uguali e noi la chiamiamo solo in modo diverso perchè siamo a Roma!! Eheheheh… Aspetto aggiornamenti dalla tua socia Niky!!!
        ps: Ma come non sai fare l’occhiolino???!!!! basta un punto e virgola più una parentesi tonda chiusa!! così 😉

    • Si, allora è più delicata e con il gambo un pò più rosso. Fai come ha detto Niky e non sbaglierai, adesso aspetta che ti faccio l’occhiolino, se ci riesco ti mando in anticipo un grazie enorme! 😉

  6. Veramente ottimo…😋😋😋fatto sia con la stessa dose di zucchero che con 200gr in meno…sempre ottimo..io di menta uso quella marocchina…grazie..

    • Cara Katiuscia, mi scuso per questo ritardo ma il blog è rimasto chiuso per molto tempo. Grazie mille per questo suo commento, spero di riceverne altri da lei! Un abbraccio Pigmy.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...