Streghe liguri, Fate sarde, Streghe-Fate…. Ditelo anche voi!

Cari topi, questo post nasce da una simpatica discussione che ho avuto con una mia cara amica blogger qualche sera fa. Lei si chiama Marta, è sarda, offre a tutti la bellezza di questo suo blog http://tramedipensieri.wordpress.com/ ed è amante di tante cose: la musica, la poesia, tutto ciò che è arte e la sua Sardegna. La sua Sardegna fatta si, di luoghi incantevoli, di acqua cristallina, di storie, di costruzioni, ma anche di tradizioni e folklore. A segnare indelebilmente, nei ricordi e nel linguaggio di tutti, queste ultime due cose che affascinano moltissimo Marta, ci sono le protagoniste di questo post, le Streghe o Fate. Ebbene si perchè anche Marta ha le “sue” Streghe. Streghe diverse dalle “mie”. Streghe/Fate che hanno un nome arcaico, poetico: esse si chiamano Janas. E sono Fate molto diverse dalle mie Streghe che hanno invece un nome molto più terra-terra se vogliamo: Bazue. Da non confondere la vera Strega con la vera Fata, questo lo so, ma quel che ci faceva ridere e discutere a me e Marta, era comunque un dialogo basato su queste figure femminili misteriose delle quali abbiamo sempre sentito parlare e con le quali siamo cresciute. E c’è chi le chiama in un modo, chi in un altro. Sono pochi i paesi in cui le distinguono. Sono i paesi ricchi di questi personaggi, nei quali esistono anche gli Elfi e gli Gnomi. Esistono o sono esistiti, chi lo sa. Fatto stà che, le figure della mia amica, si comportavano in un certo modo e vivevano in un certo modo e avevano un loro obbiettivo, completamente diverso dalle mie che, come le ho fatto notare, erano molto più indaffarate delle sue :-D Bhè, si, lo sapete ormai, le mie magiche figure erano vere e proprie maghe, ideavano filtri e pozioni adatte ad ogni necessità, addestravano gatti neri sempre pronti a servirle, conoscevano tutte le piante officinali esistenti, utilizzavano enormi pentoloni, volavano con la scopa, facevano il malocchio, rapivano i bambini e poi… sono esistite davvero, lasciatemelo dire, e a buon intenditor poche parole. Erano donne, ma questa è una storia lunga. Le Janas invece? Cosa facevano le Janas? Come vivevano? Nonostante le tante similitudini che legano storicamente, geograficamente e culturalmente la Liguria alla Sardegna, queste creature magiche sono totalmente diverse e questo, è ciò che mi ha incuriosito. Lascio a Marta la parola, leggete infatti cosa racconta lei stessa, in uno dei suoi articoli, che mi ha davvero affascinato molto, qualche giorno fa:

Si narra che un tempo lontano, in terra di Sardegna vivevano le Janas.

Erano fate leggendarie, spesso buone, talvolta cattive.

Belle, schive e misteriose, erano preda dei pastori, dai quali si proteggevano rintanandosi tra le rocce.

A loro apparteneva un’arte: ricamavano arazzi stupefacenti che acquisivano poteri occulti, se esposti alla luna.

Perciò per azionare l’incantesimo, le fate erano costrette ad uscire e stendere sulla pietra le loro creazioni, concedendole alle tenebre.
Ma bastava rubare un solo filo dell’abito indossato dalle Janas, per possederle in eterno.

E i pastori questo lo sapevano…

JanasE questa che vedete è una rappresentazione, un’ immagine che le ritrae appartenente anch’essa al blog di Marta. Bhè si, devo ammettere che sono sicuramente più carine di quelle liguri, ma una foto delle mie ve la metto lo stesso, tanto siamo sotto il periodo di Halloween, non dovreste aver paura. SONY DSCDai, cosa sono ‘ste smorfie? Hanno tutte e due i capelli neri e il vestito nero, non sono poi così diverse! (Non me ne voglia la  ragazza della prima foto, che trovo bellissima!). Avete letto comunque le diverse credenze? Ecco cosa mi è venuto in mente. Quali altri magici personaggi ci saranno stati nel resto d’Italia? Quindi, le vostre? Campani, lombardi, pugliesi, veneti, etc… che mi scrivete, ditemi, come sono le vostre Streghe? O le vostre Fate. Quali requisiti avevano? Sono ovviamente ammessi anche i liguri nonostante ci sia già io. Sarei proprio curiosa di conoscere nuove cose che non so riguardo le mie Bazue. Dai, raccontantemi! Sono sicura che le vostre risposte interesseranno molto anche la mia amica Marta. Un bacione magico a tutti.

About these ads

23 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. stravagaria
    ott 30, 2013 @ 07:05:57

    Di queste leggende antiche ho poco da dire… Maghi, streghe e fate le ho sempre trovate solo nei libri ma non conoscevo il fascino delle janas ;) bacioni

    Rispondi

    • topinapigmy
      ott 30, 2013 @ 07:29:19

      Intriganti vero le Janas? Appena ho letto di loro, sul blog della mia amica, sono subito stata colta da molto interesse. E così tu non hai “Strie” (come si chiamano le Streghe solitamente nel Nord d’Italia) di cui parlare?… Uffi! E io che ero curiosa. Vabbè, per questa volta ti perdono Stravy! :-D E ti mando anche un bacione per una buona giornata infrasettimanale!

      Rispondi

  2. ylian89
    ott 30, 2013 @ 08:15:27

    Dalle mia parti non ci sono leggende sulle streghe, però si parla molto di spiriti e demoni

    Rispondi

  3. lucianaele
    ott 30, 2013 @ 08:59:27

    Comincio ad augurarti un buon fine settimana.
    Il mio è dedicato alla visita dei cimiteri.
    Un abbraccio,
    Luciana

    Rispondi

  4. tramedipensieri
    ott 30, 2013 @ 09:11:10

    Ohhh che sorpresa!!
    Ritrovare qui la mia Janas…..così come le vedo io nella mia fantasia è splendido!
    Grazie!

    Le Janas sarde in effetti sono un misto tra fate e streghe. E ci sono tante e tante leggende che narrano di loro e nella maggior parte tramandate oralmente. Loro vivevano nelle case minuscole scavate nelle rocce: le domos de Janas (le case delle fate).

    ecco velocemente ho trovato questo link… http://tonarasardegna.blogspot.it/2013/02/il-piccolo-popolo-delle-janas.html

    Mi piacerebbe moltissimo, e hai avuto un’idea strabiliante, leggere i commenti e conoscere le varie streghe o fate…di tutte le regioni d’Italia…

    Buona idea Pigmy!
    un abbraccio
    .marta

    Rispondi

  5. pani
    ott 30, 2013 @ 10:50:55

    vedi? Vedi che ho sempre avuto ragione io sulla tua sarditudine?

    Rispondi

  6. Silvano
    ott 30, 2013 @ 11:24:32

    Certo che se le Janas sono tutte come la ragazza della foto…… tutti in Sardegna

    Rispondi

  7. liù
    ott 30, 2013 @ 13:05:15

    Penso che ogni regione abbia le sue leggende ,ho scritto un post che pubblicherò dopodomani che parla degli usi che abbiamo in Sicilia per la “Commemorazione dei Defunti”.
    Un abbraccio Pigmy cara! :D
    liù

    Rispondi

    • topinapigmy
      ott 30, 2013 @ 15:34:42

      Grazie Liù per questo tuo post che leggerò molto volentieri. Si, penso anch’io che ci siano in ogni regione le leggende, è per questo che sarei felice di conoscerle. Pensa quante! Un bacione Liù, buon pomeriggio.

      Rispondi

  8. Miss Fletcher
    ott 30, 2013 @ 18:48:05

    Haha, mi ha fatto ridere il solito Pani!
    E brava Marta e brava tu, le storie di streghe sono sempre interessanti, penso che presto ne racconterò una anch’io!
    Un bacione a te!

    Rispondi

    • topinapigmy
      ott 30, 2013 @ 21:10:10

      Si Miss, Pani è sempre il solito, io e lui siamo come Gatto e….Topo! :-D E’ troppo forte. Le streghe mi affascinano sempre, sarò lieta di leggere cosa scriverai. Un bacio.

      Rispondi

  9. Picciola
    gen 09, 2014 @ 13:17:21

    Cercavo un elenco di fate e mi sono imbattuta nel tuo Blog, io sono di Napoli e qui anche ci sono state le streghe… Vi lascio di seguito la nostra leggenda un bacio a tutti :)

    Le streghe beneventane si riunivano sotto un immenso albero di noce lungo le sponde del fiume Sabato ed al motto di “sott a l’acqua e sott u vénto sott a la noce de binivénto” tenevano i loro sabba in cui veneravano il demonio sotto forma di cane o caprone.
    La Janara usciva di notte e si intrufolava nelle stalle dei cavalli per prendere una giumenta e cavalcarla per tutta la notte.Inoltre aveva l’abitudine di praticare le treccine alla criniera della giovane cavalla rapita, lasciando così un segno della sua presenza. Capitava a volte che la giumenta sfinita dalla lunga cavalcata non sopportasse lo sforzo immane a cui era stata sottoposta, morendo di fatica. Per evitare il rapimento delle giumente si era soliti, nel passato e ancora oggi, piazzare un sacco di sale o una scopa davanti le porte delle stalle, poiché la janara non poteva resistere alla tentazione di contare i grani di sale o i fili della scopa e mentre lei fosse stata intenta nella conta sarebbe venuto il giorno e sarebbe dovuta fuggire.
    La janara solitamente era una esperta in fatto di erbe medicamentose, ed ella sapeva riconoscere tra le altre anche quelle con poteri narcolettici oppure stupefacenti, che usava nelle sue pratiche magiche, come la fabbricazione dell’unguento che le permetteva di diventare incorporea con la stessa natura del vento. Contrariamente a tutte le altre streghe, la Janara era solitaria e tante volte, anche nella vita personale di tutti i giorni, aveva un carattere aggressivo e acido.
    La tradizione vuole che per poterla acciuffare, bisognava afferrarla per i capelli, il suo punto debole. A quel punto, alla domanda “che teni mmane”, cioè cosa hai tra le mani, bisognava rispondere “ferr e acciaio” in modo che non si potesse liberare; se al contrario si fosse risposto “capigli”, cioè capelli, la Janara avrebbe risposto ” e i me ne sciulie comm a n’anguilla”, cioè me ne svivolo via come un’anguilla, e si sarebbe così liberata dandosi alla fuga. Inoltre si diceva che a chi sarebbe riuscito a catturare la janara quando essa era incorporea, ella avrebbe offerto la potezione delle janare sulla famiglia per sette generazioni in cambio della libertà.

    Si accreditava alle janare anche la sensazione di soffocamento che a volte si prova durante il sonno, si pensava infatti che la janara si divertisse a saltare sulle persone cercando di soffocarle, si diceva che questo accadesse soprattutto ai giovani uomini.

    Rispondi

  10. topinapigmy
    feb 15, 2015 @ 14:08:32

    Grazie Picciola per la tua testimonianza e perdonami se ho tardato così tanto a postarla ma a causa di problemi sono stata lontana dal blog più di un anno. Mi scuso. Grazie mille per essere passata a trovarmi. Un abbraccio!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

abbandono abbigliamento abitanti acqua adulti aereo affetto affettuosa affreschi aforismi africa Agaggio aghi aglio agosto agricoltura agriturismo Aigovo aiuto alberi alcool ali alimento allegria alpini altare amanti ambiente America amica amiche amici amico amore andagna angeli angoli angora animaletto animali anni anno antica antiche antichità antico antipasti anziani api aquila arazzi arbusto archibugi arco arcobaleno ardesia argentina argento aria Arma Arma di Taggia arte artista artisti Arzene aspettatemi assessore associazione atmosfera auguri austera auto autunno avventura avvocato award azzurro bacche Bacco bacio Badalucco badante baffi ballare bambina bambini bambino bambù banana band bar Barbara barbecue barche barche a vela barista basilico bastione battaglia bazue beagle befana bella bellezza bello bene bere biancheria bianco biancospino biberon biblioteca bici bigottismo bionda birra blog blu Blue Bordighera borgo boschi bosco bosco delle navette botte bottega bottiglia boy scouts braccia braccio bronzo Brugo bruno bunker Bussana Cabbage Cafè Cabotina cacciatori cachi caduta caduti caffè Calabria calcio calda caldo Caligola Calvino camion campagna campana campanile campi Campo Marzio cancello cane cani cannella canzoncina canzoncine canzone canzoni cappelletta cappelli capre capriole Carabinieri carattere carciofi Carpasio Carpenosa carrugi casa cascatelle case casette castagne castagni Castellaro castello cavalli celti cemento Cervo Cervo Ligure chiesa chiesetta chitarra Ciabaudo ciappe cielo Cima Marta cimitero cinema cinghiale cinghiali cipolla Cirano Claudio Porchia clima Clint Eastwood coda collane collezione collina Collodi colonia colore colori coltivazioni commissario compleanno Comune coniglio consiglio degli anziani contadini coppa coppia cordialità cornice correre Corsica Corte corteccia cortile credenze croce Crocus cucciolo cucina cucina ligure cultura cuneo cunicoli cuore curry danza Dario Argento decoupage dedica Dei depressione dialetto. diavoli Diavolo dicembre diga dimore Dio Dionisio dipinti disegni disinfettante divertimento documenti Doge dolce Dolcedo dolore domande Don Gallo donna donne Dragut Drego eco edera Egitto egizi Eleonora Curlo Ruffini emozione emozioni energia entroterra equilibrio erba erbe erbe officinali Erli estate età Eugenio Montale euro Europa evento Ezio Sclavi Fabio Fabrizio De Andrè faggio falene falesia falesie fame famiglia fango fantasia fantasma farfalle Fata Morgana fatto a mano fattoria favole febbraio felice femmina festa festival fiaba fiabe fichi fienile figli figlio filastrocca filastrocche film finestra fiocchi fiore fiorellini fiori fiume flora foglie folletti fontana fontane fontanella foresta formaggi formaggio formiche forno fortezza fortificazione fortificazioni fortuna foto fotografia Francesco francesi Francia frasi frati freddo fresco friscioi frusta fucile funghi fungo fuoco gabbia gabbiani galleria gatta gatti gattini gatto Gavano gay gelato gelo genio Genova geografia Gesù Gheddafi ghiaccio ghiro giallo Giampiero Laiolo giardini giardiniere giardinieri giardino ginepro giochi gioia giornata giorni giovani giudice Giuseppe Giuseppina Gli Ausenda Glori gnomi gocce gola Grace Kelly gradi gradini grano grappa grata Grattino grazie Greci grigio grigliate grotte guardie Guccini guerra gufo guscio habitat Halloween hashish hobby hotel Giovanna idratante il sentiero dei nidi di ragno immagini Imperia incidente India Indieisponente indigeni indovinello Inghilterra inglese insalata insegna insegne insetti insetto interiorità interno intervista intrugli invasori inverno invidia Italia Italo Calvino jazz Jovanotti labirinto lacrima laghetti lago Laiolo Lampedusa lampioni lana lapide larice larve latte Lattuga Laura lavagna lavanda lavatoio lavoro lecci legge leggi legna legno lenza Leopardi letargo letteratura lettere letto Levà Libereso Libereso Guglielmi libri libro ligure liguri Liguria limoni lingua liquore Loreto Lourdes lucciole luce Lucertola lucertole luci Lucy Luisa lumache luna lupi macchia macchina fotografica Madonna Madonna della Neve Madonnina madre madri maggiociondolo Malva mamma mangiare manifestazione mano manto marchesi mare margherita Marguareis mari Maria marinai marito marmellate marmo Martini martire marzo Massimo Centini matematica matrimoni medici medico medievale medioevo meditazione melanzane mele menta meraviglia mia miao mici micia miele migliore amica. vecchietta Milano militari miracoli miraggio Mirial mistero mitologia moglie Molini Molini di Triora monaci Monaco mondi mondo monete montagna montagne Montalto monte Monte Carlo Monte Ceppo Monte FAudo monti monumento Monviso mosca mostra mucche mucillagini mulattiere muli munizioni mura murales muro muschio museo museo della lavanda musica muso Napoleone Bonaparte naso natale natura nebbia negozio nenia nero nettare neve Nikon Niky ninfee nipoti Nizza Nocciola nocciolo noci noia nome nonna nonno Nord notte notturno novi ligure numeri nuotare Nuvola nuvole occhi occhiali offerta oli olio olive taggiasche ombra onde operai opere oppio oratorio orchidee oriente origano orizzonte oro orti Ortica orto ospedale Osvaldo Poggio pace padre Padre Pio padri paesaggio paese palazzi palco pallone palme panchina panchine pancia pane panna panorama Pantan Pantano Papavero papà paradiso parchi parco Parigi Parodi parole partenza pascoli Pasqua passeggiata passeggiate passione passioni pastore pastori patate pato patologia pavimenti paziente pecore pelo Pepe peperoncino percorso personaggi pescatori pesche pesci pesto petali pezzi pianta piante piante grasse piatti piatti tipici piatto piazza pie piedi piemontesi Piero Angela pietra pietre. Pigmy pini Pinocchio Pino Silvestre pioggia piove pipì pirati pittori pitture Plinio Podestà poesia poeta poeti polizia pomodori Pompeiana ponente ponte ponte romano ponti popolo porte post potassio pozioni d'amore prati prato preghiera premio presepe prete prezzemolo prigioni prigionieri primavera Principe Alberto problema profumo programma pronto soccorso proprietà protesi proverbi pulci pulire quadri quercia quiete raccolta ragazza ragazze ragazzi raggi ramazza rami ratti Ravenna razze re Realdo Redentore regali regione regole religione Repubblica di Genova ricamo Riccardo Venturi ricci ricercatore ricetta ricette ricordi ridere rifugio rinfrescante ripieno ristrutturazione Rocca rocce roccia roditore Roma romane Romani rosa rose rosmarino rosso roveto rovine ruderi ruggine rugiada ruscello Russia sabbia Salamandra sale sali minerali salita salsa salsedine salvia san benedetto San Bernardo San Pietro San Remo SanRemo sanremonews Santa Brigida Santa Corona santa lucia santuario saraceni Sardegna Savona sax scalogno scarpe scarpette della Madonna schiuma scioglilingua scogli scoglio scoiattolo scopo sculture scuola scuole secolo seconda guerra mondiale semplicità semprevivi sentieri sentiero sentimento sentinella separazioni sera settimana sfinge Shakespeare siepi significato Signore simbolo simpatiche smeraldo socia Socrate Sofia sogni soldati sole soluzione sorpresa sorriso Sospel spettacolo spiaggia spighe spine Spinola spocchioso spruzzi squadra stagioni stanze star Stato statue statuti Stella stelle stemma storia strada stravagaria streghe strumenti studio vacuo stufa Sud superba Taggia tane tarassaco te tecnica tecnico tedeschi telefonata telefono tempo temporale tenda tepore terra terra brigasca testa testamento tetti tetto Tiberio Timperi Tigro timo tinte tisana tisane tomba topi topina topine topini topino topo Topolino tornata torre torrente torrente Argentina torture tradizioni traduzione tramonto tranquillità treno tribunale trifoglio Triora trompe l'oeil trote Trudy truppe tuffi Tunisi tunnel U Camin uccelli uccello ulivi ulivo umidità università uomini uovo upega uva vacanza vallata valle Valle Argentina valle delle Meraviglie valli Valloria Val Tanaro Vanity Fair vasi vegetale veleno velluto Ventimiglia vento verde Verdeggia verdure vermi vestiti vestito vetro viaggio viagra via Soleri vicoli video vie vigili Vignai villa Villa Boselli Villa Faraldi vino vino rosso Viola viole violette Viozene Virgilio virtù visi viso vita vitello vittime viuzze voce volare Wikipedia Winx zafferano zampe zampe posteriori zampette zanzare zenzero Zerni Zeus zia zucche zucchero zucchini

Webmaster

Pautasso Design Inc.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 94 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: