La piccola Valle di Gavano

Val Gavano è una piccola gola della Valle Argentina. Gavano, il paesino principale, è affiancato da altri piccoli borghi, rimasti ancora tutti come un tempo. Si dice che uno di questi, Ciagin, sia stato creato dagli abitanti di Piaggia (“Ciaggia” in dialetto), decisi a costruire un nuovo paese, ossia Piaggino (“Ciagin” appunto).

Gli altri borghi si chiamano Galei, Baladi e Cornò ma qui www.valgavano.it troverete tutto quello che vi interessa sapere e delle curiosità davvero divertenti su tutta questa zona, quasi inanimata, e verdeggiante.

Complimenti però a chi ha realizzato questo sito perchè è veramente bello.

Come vi dicevo, Gavano, una frazione del Comune di Molini di Triora, è ancora oggi come una volta.

Forse, data l’assenza della maggior parte degli abitanti, il bosco ha preso più sopravvento, ma è comunque bello passeggiare per la sua strada in mezzo agli alberi.

Ma come arrivarci? E’ semplice, salendo verso Molini, ad un certo punto incontreremo l’apposito cartello, gireremo quindi a sinistra e attraverseremo un torrente Argentina che, in certi punti, si presenta davvero curioso e fantastico assumendo forme ammirevoli.

Pare, a volte, di essere in un ambiente primitivo e l’acqua, è l’unica fonte di vita.

E’ per questa strada che troviamo un percorso equestre e un percorso per mountain bike.

A tener pulito questo sentiero ci pensano oggi i cacciatori. Qui esercita, con battute al cinghiale, la squadra n°49.

Siamo sotto a Colla Bracca e, per raggiungere il paese, dovremo poi girare verso destra ma non ci si può sbagliare.

Continuando dritti, raggiungeremo invece le vecchie caserme, costruite dopo la prima guerra mondiale, ora abbandonate. Ma questo sarà un altro post.

Le case giocano con noi a nascondino tra i secchi rami degli alberi.

Siamo a soli 25 km circa dal mare ma, quando scende la neve qui, ricopre ogni cosa.

Il bello della mia valle è proprio questo, offre mare e monti!

Sorpassiamo le prime dimore e attraversiamo il bosco.

La nota negativa di questi luoghi è che, rimanendo chiusi tra le montagne, godono poco del sole.

Guardate che strada. I tronchi caduti dalle forti piogge sono stati tagliati e tolti dalla via, infatti, ad un certo punto, dobbiamo fermarci. Un grosso albero abbattuto non ci lascia passare. Ma riusciamo comunque a raggiungere la chiesa e la località di Ciagin. Più in su avremmo trovato anche il cimitero.

Un tempo, questi luoghi, erano pieni di gente, oggi invece, si animano solo nel periodo estivo e, il 22 gennaio, quando si festeggia il patrono del paese, San Vincenzo.

La località che incontriamo ci accoglie come un paese abbandonato. C’è una chiara impronta che ricorda il lavoro nei campi. La raccolta, la semina.

Ci sono le stalle degli animali, anch’essi gran collaboratori e il lavatoio utile a lavare gli indumenti.

A proposito di animali, non potete immaginare quanto siano protagonisti nella mia Valle e quanto lo siano stati. Non solo per aiutare l’uomo nei suoi lavori, ma sono presenti soprattutto nei proverbi e nelle credenze popolari. L’animale, così come le rare ma vere, condizioni climatiche.

Sì, oltre a credere che la Civetta, o l’ululato notturno di un Lupo, erano fonte di malaugurio, anche un diverso modo di piovere o delle nubi in cielo che formavano strane forme, dettavano paure e timori negli abitanti riguardo la disavventura e la malasorte.

La maggior parte delle persone che vivevano qui erano contadini o allevatori di bestiame.

Di terre, non più coltivate, ma che producevano tanti anni fa, se ne vedono tantissime ancora oggi nonostante il bosco intorno che, si direbbe, non voglia lasciare spazio. Invece, eccoli ancora i muretti di pietra a dividere i bastoni piantati nel suolo, a tener su una rete, e gli scalini ricavati da una roccia per raggiungere il campo. E poi anche lo scheletro di uno spaventapasseri ormai inesistente.

Questa è Gavano. Quest’estate tornerò a mostrarvela magari più ricca di vita, questa volta mi sono goduta il paesaggio. Un abbraccio Pigmy.

M.

Un pezzetto di Carpasio

Si topini. Carpasio merita più di un solo post ma prometto che, un pezzo per volta, ve lo farò conoscere tutto.

Non è un grandissimo paese ma merita e, nella Valle Argentina, è sicuramente tra i più forniti e i più abitati. E’ lui il paese che forma un triangolo con Costa e ad Arzene. E’ lui che si incontra dopo Montalto e, sempre da lui, andando oltre, si giunge a Prati Piani, a Colle D’Oggia, dove c’è anche un rifugio, e andando più in giù, si giunge fino alla città di Imperia.

Carpasio è abitato da circa 160 persone ed è gemellato con Saorge, una bellissima cittadina francese.

La prima cosa che ci si presenta davanti, una volta giunti al suo ingresso, è la statua in bronzo che indica il monumento dei caduti ed è dedicata alle vittime di tutte le guerre.

Esso è posto all’interno di un giardino e si affaccia sulla prima piazzetta del paese, la piazzetta del Municipio e della chiesa.

Qui, ci si ristora, nella Vecchia Trattoria, un luogo rustico nel quale gli anziani passano i pomeriggi a giocare a carte davanti ad un bel fuoco e, i giovani, cercano il vitto tra buonissimi e profumatissimi panini con salumi e formaggi della zona.

E’ sempre qui che, prima del Palazzo Comunale, possiamo ammirare la splendida fontanella in pietra, abbellita da stelle blu, dalla quale possiamo bere acqua cristallina e perennemente fredda! Questa fontanella è posta nel muro della scalinata che, come vi dicevo, porta al Municipio di Carpasio.

A tal proposito, vorrei spendere due parole sullo stemma, di questo borgo, che potete trovare anche su internet. Uno stemma che porta una descrizione araldica davvero carina e che ha ricevuto la concreta approvazione soltanto nel 1956. La dicitura è letteralmente questa “Di sfondo rosso-rosa al Castagno verde eretto, sulla cima centrale di un monte all’italiana. Nell’angolo destro, in cima, un castello d’argento con due torri merlate“.

Potete notare come il Castagno e, spesso, anche l’Ulivo (torno a ripetermi) sono simbolici e fondamentali nella mia Valle.

Oserei definirli sacri avendo, da sempre sfamato gli abitanti della zona.

Carpasio, anch’esso appartenuto a Genova, anzi, venduto proprio ad essa nel 1259, si pensa sia un luogo risalente all’Età del Ferro. E’ infatti dove sorgono le due chiese più importanti che erano stati trovati reperti archeologici che hanno permesso determinati studi e scoperte. Le chiese sono una attaccata all’altra, quella dell’Assunta e questa, della foto, di Sant’Antonino. Bellissime.

Al loro interno, tanti dipinti e una debole luce filtra dai rosoni colorati di vetro. Non poteva ovviamente mancare una splendida statua della Madonna dai piedi circondati da piccoli Angeli, a far quasi da riparo ad un prezioso affresco.

Stiamo parlando di una chiesa quattrocentesca, la quale si dice sia stata costruita su un tempio pagano e, al suo interno, sono custodite le ossa del martire Sant’Antonino.

La curiosità di essa, sta però nel campanile, in puro stile romanico, definito una simil “Torre di Pisa” in quanto pende di ben 1,60 m. (Questo dato lo si può trovare sul sito di Carpasio).

Furono i Carpasini stessi ad innalzarlo di ben 35 metri e renderlo quindi leggermente pendente, in modo tale da poter diffondere il suono delle sue campane in tutta la vallata.

Dietro a questa stupenda chiesa, nel parcheggio principale, è conservato ancora in buonissimo stato il lavatoio. Ha subito qualche modifica negli ultimi anni ma, il piano di lavoro e la struttura totale, ovviamente in Ardesia, pietra che vi ho già fatto conoscere, sono ancora quelli di un tempo.

Continuando a parlare di Ardesia, è incantevole, notare come tutte le vie di Carpasio, o i carrugi, sono indicati con nomi scolpiti su lastre di questa pietra che, i Carpasini, hanno usato anche per rendere omaggio ad una persona a loro molto cara.

Si tratta del medico, poeta e anche sindaco di Carpasio (dal 1915 al 1920) Domenico Cotta.

In parecchi punti, si vedono lastre con pezzi di sue poesie e dediche, appese ai muri, che lo ricordano da sempre.

Dal sonetto “Il villaggio natio”, ad esempio, è tratto il brano seguente: – Oh paterno montano ermo villaggio, che ancor t’affacci a la memoria mia, pover di case e strade e di retaggio, ricco di verde e cielo e fantasia -. Un onore a lui da parte di tutta la popolazione. E ciò che riporta è vero.

Il verde scuro dei boschi di Conifere e di Castagni e l’azzurro del cielo terso, a Carpasio, sono spettacolari.

Siamo a più di 700 metri d’altitudine. Circondato da abetaie e prati, esso è un posto adatto a passare giorni tranquilli sia in estate, godendosi il fresco montano, sia in inverno, ruzzolando con qualsiasi tipo di slittino, giù per i campi ricoperti di neve.

Ma c’è anche chi decide di dare un tocco di altro colore al suo mondo, sfruttando la propria dimora.

A Carpasio infatti, risiedono o passano i loro giorni di vacanza, anche parecchi artisti.

Posso assicurarvi di aver visto, nascoste tra i boschi, senza nemmeno una strada carraia, case che lasciano senza fiato, da tanto che sono belle, particolari e curate in ogni dettaglio, dalla stanza principale al pollaio.

Ovviamente non posso postarle, vi mostrerò soltanto uno dei tanti colori particolari e accesi, trovati per le vie di questo caratteristico borgo. Questa, come vi dicevo all’inizio dell’articolo, è solo una parte di quello che dovreste sapere di lui e, presto, continuerò a parlarvene in quanto è ricco di cose preziose e originali.

Nel frattempo, spero che questa prima passeggiata per conoscerlo, dove non esiste l’asfalto ma solo i ciottoli, vi sia piaciuta.

Con affetto, la vostra Pigmy.

M.